L’importanza di restituire il materiale organico al terreno

 

 

La raccolta differenziata è una realtà sempre più diffusa nel nostro Paese e molti Comuni incentivano i cittadini alla pratica del compostaggio domestico.

Gli scarti della cucina, dell’ orto e delle manutenzioni del giardino non vanno gettati nelle immondizie perchè grazie all’ opera di microrganismi presenti in natura possono essere trasformati in Humus. Ma creare un compost di buona qualità non è semplice, c’ è infatti una continua lotta tra microorganismi “buoni” – che trasformano gli scarti in humus- e  microrganismi che invece danno origine a putrefazioni maleodoranti. Creare l’ ambiente più favorevole possibile per fare sviluppare solo fermentazioni utili dipende dalla giusta umidità, buona circolazione di ossigeno, corretta miscelazione di scarti. Il luogo ideale dove fare il compostaggio è all’ombra di alberi e nei pressi di siepi o frangivento, ma deve essere accessibile facilmente per il rifornimento di acqua.

Dare nuova vita agli scarti servirà a creare un fertile terriccio che darà inizio ad un nuovo ciclo di coltivazione ed ognuno di noi dovrebbe cercare di garantire un ricircolo di ciò che usiamo per amore della nostra Terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *